TENUTA COLFALCO, MONTEFALCO SAGRANTINO DOCG
2013 – MAGNUM (astuccio in cartone)

30,00

All’olfatto è di grande complessità e persistenza, speziato e floreale, ricorda mora, confettura rossa.
Al gusto è caldo, giustamente tannico e decisamente di corpo.
Vino che si presta a grandi evoluzioni in bottiglia nei prossimi 4 – 8 anni.

Descrizione


Annata: 2013
Denominazione: Montefalco Sagrantino DOCG
Uvaggi: 100% Sagrantino
Luogo: Montefalco
Vinificazione e affinamento: Fermentazione sulle bucce per 15-20 giorni a temperatura controllata di 25°-28°.
Formato: 1500 ml
Alcol: 15.5%
Contiene solfiti
Temperatura di servizio: 18°C
Abbinamenti: formaggi stagionati, carni alla griglia, stufate e brasate, cacciagione nobile.

Informazioni aggiuntive

a

MONTEFALCO SAGRANTINO DOCG

Vino simbolo di Montefalco e dei colli limitrofi, è l’essenza di queste terre, di chi le lavora e delle loro tradizioni più antiche. Realizzato al 100% con l’uva che gli dà il nome, ha straordinaria complessità, potenza e longevità. Proprio per questo ha bisogno di maturare in cantina e invecchiare in bottiglia per esprimere al massimo il suo carattere unico.

UVAGGI: Sagrantino 100%

Recensioni

  1. Consorzio

    La storia della cantina inizia a partire dal 1970, quando Giovanni Ruggeri fu tra le prime persone a credere nel territorio di Montefalco e in quello che di lì a poco sarebbe diventato il suo vitigno simbolo “Il Sagrantino”.
    Fu infatti Giovanni Ruggeri, che con molta passione e dedizione iniziò a produrre lo storico vino, seppur in maniera artigianale, ma capace di far conoscere ed apprezzare quelle che erano le potenzialità di questo vitigno.
    Dopo la sua morte il lavoro continuò ad essere condotto dal figlio Giuliano che ebbe la capacità di rafforzare l’azienda insieme a sua moglie, mantenendo l’impronta artigianale di alta qualità.
    Negli anni 2000 poi, con spirito imprenditoriale, fu abbandonata la vecchia cantina di famiglia passando ad una nuova struttura progettata e costruita secondo i più antichi e moderni concetti di viticoltura Italiana.
    Negli anni più recenti, forti del contributo della terza generazione con il figlio Federico, gli ettari vitati salgono a cinque e mezzo, testimonianza dell’impronta famigliare di questa azienda, condotta guardando alla qualità ma anche alla salvaguardia dell’ambiente, con l’istallazione di un impianto fotovoltaico per l’energia pulita, nonché la riduzione dell’impiego dei fitofarmaci sostituita con sistemi alternativi, come il sovescio, che recuperano le antiche tradizioni dei viticoltori di Montefalco.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *